You are currently browsing the category archive for the ‘Beppe Grillo’ category.

Argomento serio (una volta tanto). Visto che è un argomento che salta fuori spesso nella mia compagnia (mmm forse saltava fuori spesso, ma soprassediamo…) ho deciso di pubblicare anche sul mio mesto blogghino una lettera di un Bamboccione spedita al mitico Beppe Grillo e al Ministro Padoa Sciopa.

Buona lettura.

Gentile Ministro Padoa Schioppa,
Sono un ragazzo di 30 anni. Lavoro come operaio e vivo in periferia di una grande città e, ahimè, vivo ancora a casa dei miei. L’altro giorno ho sentito le sue parole in tv, e mi sono immediatamente identificato in coloro che lei definisce “bamboccioni”, quei trentenni che lei vorrebbe “mandar fuori da casa”. Mi son detto: “Grande Ministro, Lei ha ragione”. Così mi sono così rivolto alla mia Banca per poter ottenere un mutuo.“Grande Ministro, avrò finalmente una casetta tutta mia”, ho pensato!
Guadagno 1.140 € al mese + 13esima e 14esima, le quali spalmate in 12 mesi mi garantiscono un reddito mensile di 1.330 €
Visto che la rata mutuo non può superare 1/3 dello stipendio, mi posso permettere una rata di 443 € al mese.
Con questa rata mi viene concesso un mutuo di € 85.850 Euro in 30 anni (se aspettavo un altro po’, vista l’età, non me lo concedevano un mutuo trentennale… Grande Ministro, grazie per avermi fatto fretta!)
Con il mio bel preventivo in tasca, ho deciso di rivolgermi immediatamente ad uno studio notarile, per farmi preventivare le spese che dovrò sostenere per acquistare una casa.
Dagli 85.000 € dovrò infatti togliere:
– 4.000 € circa di tasse in fase d’acquisto. “Solo” 4.000 € visto che è la mia Prima Casa! (Grande Ministro, grazie)
– 3.300 € circa di Notaio per l’acquisto
– 2.500 € circa di Notaio per il mutuo
– 3.000 € circa di allacciamenti alle utenze acqua, gas, enel
Per un totale di 12.800 € circa.
Beh… ho ancora a disposizione ben 73.050 € per la mia casetta!
La dovrò arredare, ovviamente, mica posso dormire per terra….Mi sono rivolto così ad un mobilificio come ce ne sono tanti, per ora posso accontentarmi di una cucina, un tavolo con 4 sedie, un divano a due posti , un mobile tv, un letto matrimoniale, un armadio e due comodini… il minimo indispensabile. Mi conosco, mi saprò adattare.
7.500 € circa se i mobili me li monto io! Beh… pensavo peggio!
Ho ancora a disposizione ben 65.550 € per la mia casettina, sono sempre 130erottimilioni di una volta! (Grande Ministro, grazie!).
Entro gasatissimo in un’agenzia immobiliare, è arrivato il momento…
Con 65.550 € mi dicono che posso acquistare:
2 garage di 28 mq. al livello – 2 di un condominio di 16 piani
– 2 ampi locali (non comunicanti tra di loro) di mq. 21 ciascuno, nel seminterrato del condominio adiacente
Per l’abitazione più piccola ed economica – un bilocale trentennale di 55 mq. al 1° piano di uno stabile a 18/20 km dalla città – dovrei spendere 110.000 € !
Me ne torno a casa Ministro, a casa dei miei, ovviamente!
Ho fatto quattro conti: per potermi permettere quel bilocale, dovrei:
– o indebitarmi per altri 53 anni, quindi l’ultima rata la verserò finalmente a 83 anni (ammesso che ci arrivi)!
– oppure dovrei guadagnare 2.000 € al mese!
Grande Ministro, grazie!” Un bamboccione

Fonte

Visto che domani non so se potrò scrivere lo faccio adesso. Domani sarà un giorno speciale (non solo perchè si sposa una mia cara amica, auguri Michela :D) perchè sarà il giorno dove finalmente noi italiani, stufi di questo governo incapace di risollevare il paese, potremo urlare

VAFFANCULO!

vday_logo_big.png

Per chi ancora non lo sapesse domani è il V-day la manifestazione in 200 piazze Italiane promossa da Beppe Grillo sul suo Blog.

Domani si dovrà scendere in piazza e manifestare tutti insieme contro una classe politica ormai vecchia, inutile ed inconcludente. Quindi andate sul sito del V-day, cercate la piazza più vicina a voi e andate a firmare per dire

  1. NO AI PARLAMENTARI CONDANNATI
    No ai 25 parlamentari condannati in Parlamento – Nessun cittadino italiano può candidarsi in Parlamento se condannato in via definitiva, o in primo e secondo grado in attesa di giudizio finale
  2. DUE LEGISLATURE
    No ai parlamentari di professione da venti e trent’anni in Parlamento – Nessun cittadino italiano può essere eletto in Parlamento per più di due legislature. La regola è valida retroattivamente
  3. ELEZIONE DIRETTA
    No ai parlamentari scelti dai segretari di partito – I candidati al Parlamento devono essere votati dai cittadini con la preferenza diretta

Cliccate qui per scaricare il comodo volantino in formato Pdf.

Buon Vaffanculo a tutti 😀

Visitatori

  • 125,050 dal 17 novembre 2006

Piccolo spazio pubblicità

1 - logo 120x60 1 - Logo TELE2
Grillo68

Categorie

Calendario

agosto: 2017
L M M G V S D
« Apr    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031