7 ottobre 2009, ore 18:11

Consulta: serviva legge costituzionale

La Consulta – secondo quanto appreso dall’Ansa – ha bocciato il ‘lodo Alfano’ per violazione dell’art.138 della Costituzione, vale a dire l’obbligo di far ricorso a una legge costituzionale (e non ordinaria come quella usata dal ‘lodo’ per sospendere i processi nei confronti delle quattro più alte cariche dello Stato). Il ‘lodo’ è stato bocciato anche per violazione dell’art.3 (principio di uguaglianza). L’effetto della decisione della Consulta sarà la riapertura di due processi a carico del premier Berlusconi: per corruzione in atti giudiziari dell’avvocato David Mills e per reati societari nella compravendita di diritti tv Mediaset.

AGGIORNAMENTO

Cazzo, a sentire il Berla c’è talmente tanta gente di sinistra che non si capisce come il Pdl possa essere la maggioranza (grazie di esistere Spinoza 😀 )….in ogni caso, ecco la risposta alle dichiarazioni del Premier, su segnalazione di Jamm3r:

Annunci