Ieri sera sono andato a vedere il film Children of Men, I Figli degli uomini.

E’ un film che ti coinvolge, ti catapulta in questo cupo mondo futuristico dove da 18 anni non nasce più nessun bambino a causa della mancata fertilità femminile. Il mondo, a causa di questo, è caduto in preda al panico più totale ed ovunque dilaga un’insensata guerra civile (anche se il semplice motivo della mancanza di bambini non sembra sufficiente a giustificarla). L’unica zona dove permane un simil regime autoritario è la Gran Bretagna, dove centinaia di sfollati e profughi cercano salvezza, trovando solo un trattamento razzista, al limiti del nazismo, con intere città costiere ormai trasformate in campi profughi.
In tutto questo caos globale il film ci trasporta nei panni di Theo (Theo…Teo….Dio….mah…), un semplice impiegato Londinese, alcoolizzato, con un passato da attivista anti-governativo. La vita di Theo scorre in modo apatico, tra una bevuta e l’altra, fino a quando non viene contattato dalla sua ex moglie che, a differenza di lui, ha continuato la vita da attivista arrivando a capo di un movimento anti-governativo che si fa chiamare I Pesci. Il motivo di questa visita e il riuscire ad ottenere un pass per una persona sino alla zona costiera, date le conoscenze nel governo di Theo, che il nostro otterrà con la clausola di dover accompagnare detta persona personalmente. La persona in questione è una ragazza di colore, che porta con se uno strabiliante quanto pericoloso segreto : è incinta.

Come già detto, il film ci cala in modo realistico nella parte di Theo, facendoci provare quello che lui prova e facendoci sentire sulla pelle la pressione psicologica di quel mondo ormai distrutto. Purtroppo però non ci trasporta oltre. Rimarranno i dubbi, rimarranno le domande e il finale stesso non concluderà per niente la questione, facendoci sospirare un languido “Ok…e adesso..?”.

Non mi sento di consigliare il film a tutti, andatelo a vedere se vi interessa sentirvi dentro il film, un po’ come per il remake della Guerra dei Mondi, ma non aspettatevi di uscire dalla sala soddisfatti, perchè praticamente tutte le domande che vi farete (perchè le donne non sono più fertili? Perchè la ragazza lo è? Etc..) non avranno risposta.

Voto 7

+ Ottima ambientazione
+ Ti trasporta nel film
+ Scene realistiche

– Non spiega nulla
– Attori di contorno insipidi
– Colonna sonora praticamente assente

Annunci